di Corey Goode & David Wilcock – link alla parte 1 

Quando la realtà incontra la fantascienza e in questo caso forse la supera…

Il programma spaziale segreto (di Corey Goode con David Wilcock)

A questo punto probabilmente saprete che io, Corey Goode, sono un veterano che ha fatto parte per 20 anni del Programma Spaziale Segreto (SSP) il quale possiede una tecnologia di gran lunga superiore a qualsiasi cosa che possiamo vedere nel nostro mondo. David Wilcock aveva raccolto una serie di testimonianze privilegiate per quasi 20 anni, quando ho iniziato a rivelargli tutto quello che sapevo nell’ ottobre del 2014.

Egli è stato in grado di convalidare la mia testimonianza avendo sentito molte delle cose da altri addetti ai lavori di alto livello, a livello del “Cosmic Top Secret” e al di sopra. La maggior parte delle testimonianze degli insider erano completamente al di fuori della conoscenza pubblica e non appariva da nessuna parte online, né in alcun romanzo di dominio pubblico. C’erano così tanti elementi in comune che abbiamo smesso di contare dopo averne identificati circa 60 di altamente specifici. Allo stesso modo la conoscenza di David di Intel (NdRocco informazioni specifiche) iper-classificate mi ha convinto che era in contatto con le persone che hanno sperimentato le mie medesime esperienze.

Egli ha ottenuto questi contatti grazie al fatto che è uno studioso di grande popolarità nel campo degli UFO e della scienza alternativa e aveva dimostrato, nel corso degli anni, di essere una persona affidabile e riservata.

E’ difficile da immaginare

Il livello di segretezza coinvolta è così alto che è difficile anche soltanto immaginare il mondo della SSP. Un’esperienza all’interno di una vera base SSP, sulla Terra o altrove nel nostro sistema solare, sembrerebbe molto simile ad una scena del film “Men in Black” o “Guardiani della Galassia.” Un numero sempre crescente di film apparentemente di finzione, spettacoli televisivi e video giochi ci stanno preparando per un eventuale rivelazione/divulgazione.

Alcuni gruppi sulla Terra sono stati consapevoli che non siamo soli, e sono stati in contatto attivo con gli extraterrestri, per migliaia di anni. Molti altri sono stati coinvolti quando i tedeschi hanno sviluppato la tecnologia del disco volante, con l’aiuto degli extraterrestri nel 1930. Una “civiltà separata” si è da allora sviluppata, quasi completamente senza consapevolezza della gente.

William Tompkins conferma indipendente

William Tompkins non era a conoscenza di me o di qualunque altro testimone quando ha scritto il libro “Selected By Extraterrestrials” (Selezionato dagli Extraterrestri). La nostra storia è stata raccontata interamente su Internet, e Tompkins è un veterano di 94 anni che non è connesso (NdRocco nel senso che non “utilizza” internet). Durante la seconda guerra mondiale, ha interrogato 29 diverse spie degli Stati Uniti che facevano parte del SSP tedesco al momento. Ci sono molti punti sorprendenti di correlazione in tutto ciò che noi due abbiamo da dire – ancora una volta, ben oltre qualsiasi possibilità di coincidenza. Le interviste con Tompkins sono state condotte per Gaia prima che sapesse della mia testimonianza, ma entrambe combaciano in maniera perfetta. Ci sono diversi episodi in cui abbiamo confrontato queste basi di conoscenza, ed i risultati sono davvero sorprendenti.

Il contatto fu risvegliato

Fondamentalmente ero stato “fuori dal giro” nella SSP fin dalla fine del 1980, ad eccezione di un certo numero di incontri con loro nel 1990 e nei primi anni del 2000, che erano tutte missioni molto brevi. Con mia grande sorpresa, sono stato portato di nuovo in questo mondo circa quattro mesi dopo che io e David abbiamo iniziato a confrontare quello che sapevamo. Sono stato portato in una base sulla Luna che già conoscevo, chiamata The Lunar Operation Command o LOC.

A questo punto, David aveva raccolto la maggior parte della mia testimonianza e insieme aveva accuratamente informato il consiglio di amministrazione di Gaia sulla storia. Sono stato molto sorpreso di scoprire che un’Alleanza si era formata all’interno del SSP e che chi ne faceva parte voleva condividere la loro notevole tecnologia con la popolazione della Terra. Questa alleanza è parzialmente scaturita dalla fazione SSP entro la quale ho lavorato, conosciuta come Solar Warden.

Ci sono un totale di cinque diverse fazioni SSP e Solar Warden è costituita da membri provenienti da tutte e cinque le fazioni. Il nome in codice “Solar Warden” è anche stato scoperto da un hacker Gary McKinnon e fu indipendentemente verificato da William Tompkins.

L’Ambasciatore dell’Alleanza degli Esseri delle Sfere (Sphere Being Alliance)

La SSP è già impegnata con svariate comunità di oltre 900 differenti civiltà umanoidi che hanno regolari rapporti commerciali tra di loro come con molti altri. Sono diventato portavoce dell’alleanza SSP perché parlassi con un gruppo di ET positivi altamente potenti che sono rimasti ignoti fino ad allora. Questi esseri sono arrivati in centinaia di sfere gigantesche parcheggiate in tutto il nostro sistema solare.

Le sfere hanno cominciato ad arrivare alla fine del 1990, e da allora, sono rimaste nascoste. David era a conoscenza delle sfere fin dal loro primo arrivo, mentre venivano spesso viste sul satellite SOHO della NASA e furono denominate “Sun Cruisers” (NdRocco incrociatori solari). Nessun altro gruppo aveva veicoli che fossero neanche lontanamente vicino ai loro in termini di dimensioni, quindi era del tutto naturale che fossero fonte di interesse.

Gonzales era la chiave

All’ “uomo al suo interno” che ha finito per portarmi di nuovo in questo mondo è stato dato lo pseudonimo di: tenente colonnello Gonzales per ragioni di sicurezza. Aveva sperimentato contatti di persona con gli esseri Sfera, mentre faceva parte del SSP circa nello stesso periodo in cui io avevo sperimentato contatti simili pur vivendo qui in America. Gonzales, riguardo a tali incontri, non ha riferito alla catena di comando per un certo tempo e neanche io ho detto a nessuno di quello che avevo sperimentato.

Alla fine di febbraio 2015, gli Esseri della Sfera hanno chiesto di me attraverso Gonzales. Egli non sapeva chi io fossi. Fino a quando è stato chiamato il mio nome, gli “Esseri della Sfera” avevano in modo più assoluto rifiutato di interagire con l’Alleanza SSP anche se l’Alleanza sentiva che essi stavano tentando di fare qualcosa di positivo per l’umanità. Gli ET negativi cercheranno contatti con i più ricchi e potenti uomini della terra per promuovere il loro tirannico, dittatoriale messaggio di servizio al sé. Gli ET positivi cercano contatti con coloro che possono aiutare a condividere i loro messaggi di amore, pace e servizio agli altri.

Gettato nel mezzo

Effettivamente mi sono gettato in mezzo a un intero dibattito tra l’Alleanza SSP e gli Esseri della Sfera. Inoltre, gli Esseri della Sfera volevano che facessi da ambasciatore per loro, condividendo il loro punto di vista non solo con la Alleanza SSP, ma con il pubblico generale sulla terra. Loro sono qui per aiutarci e guidarci attraverso un evento evolutivo umano storico che molti chiamano Ascensione. Mi è stato detto che questo evento comporterà un massiccio rilascio di energia dal sole che farà scattare progressi nel DNA e nella coscienza. Il nuovo libro di Wilcock Ascension Misteries fa riferimento alle antiche profezie di un tale evento da molte culture diverse. Le sfere giganti sono una forma di tecnologia vivente che viene utilizzata per rendere più agevole possibile questa transizione. Senza l’aiuto delle sfere, una tale transizione sarebbe probabilmente catastrofica e, in gran parte, imprevedibile.

I Blu Avian

Il gruppo principale con il quale ho interagito sono stati i Blu Avian, una razza di umanoidi con grandi occhi e piume da uccello color blu sul corpo. Abbiamo poi scoperto che questo è lo stesso gruppo che è apparso agli egiziani, come Ra e Thot, gli dei aviari dall’aspetto umanoide.

I loro insegnamenti, originariamente positivi furono notevolmente distorti in senso negativo, come è stato descritto nella serie della Legge dell’Uno (scaricabile gratuitamente in italiano). William Henry ha trovato antiche raffigurazioni dei blu avian nella cultura egiziana e in altre, come riportato in Cosmic Disclosure. Umanoidi simili ad uccelli sono stati trovati a Babilonia, in iscrizioni in sud America e anche in Egitto. Alcuni passaggi della Bibbia descrivono l’Arcangelo Gabriele con un aspetto simile ad un uccello. Anche le culture dei nativi americani riferiscono di contatti con “la tribù uccello” e i giapponesi hanno l’”uomo uccello delle montagne”. I Blu avian sono una delle cinque misteriose razze ET altamente avanzate che sono associate con le sfere giganti.

(Restate sintonizzati per la prossima parte…)

 Traduzione di Nicola Zegrini

a cura di Rocco Malagoli

Compilando questo form potrai ricevere via email tutti gli aggiornamenti riservati ai nostri iscritti

Abbiamo a heartlock la tua privacy!

Share Button
Rocco Malagoli
+ posts

In cammino dal 18° compleanno. Quel giorno qualcosa è cambiato e Rocco ha cominciato una rivoluzione, pacata ma decisa, su tutti i fronti. Mille idee, mille cose da fare… Violinista per passione e professione, sulla strada per il fruttarismo totale, ambientalista, viaggiatore-ricercatore. Utilità piuttosto che estetica, salita anzichè discesa, Natura invece che cultura, ma tecnologia avanzata (aliena, direbbe) al posto di clava e pietra. Dei suoi primi 18 anni ha conservato il buon cuore, l’amicizia disinteressata, l’amore per la semplicità… e pochi capelli! Sogno nel cassetto: volare, che sia con aereo, parapendio o le sue ali…