immondizia

Prova a immaginare come cambierebbero le tue abitudini nel fare acquisti se da domani andasse in vigore una legge che ti obbliga a tenere nel tuo cortile tutta l’immondizia che produci. Non cercheresti di scoprire i modi in cui produrre meno rifiuti senza modificare il tuo tenore di vita? Vediamone alcuni.

Nuovi pensieri differenziati

Pensiero differenziato n° 1: iniziare dalla cosa più facile, i sacchetti di plastica. Ovunque tu faccia shopping troverai sempre un cassiere a porgertene uno. Basta rifiutare.

Per le spese non programmate tieni sempre con te una borsina di tela o un’apposita borsa riutilizzabile da supermercato. Per fortuna dal 2014 le buste biodegradabili sono obbligatorie e alcune catene utilizzano anche i sacchetti di carta riciclata.

Pensiero differenziato n° 2: riduzione ai minimi termini di imballaggi e contenitori usa e getta per il cibo. Innanzi tutto se proprio non puoi fare a meno di alimenti confezionati scegli quelli con imballaggio riciclato/riciclabile e non in polistirolo.

Se tu fossi obbligato da un ipotetico decreto legge a tenerti tutti i rifiuti probabilmente valuteresti l’acquisto di prodotti sfusi come frutta e verdura freschi. In alcuni negozi bio o etnici si possono trovare molti generi alimentari sfusi.

Per conservare gli alimenti, usa i contenitori di vetro ed evita l’alluminio che non solo inquina ma esige un dispendio notevole di energia per essere prodotto. Inoltre impara delle ricette per riutilizzare cibi avanzati. Quel che resta raccoglilo in una compostiera e differenzialo nell’umido. Servirà a creare terra fertile per colture.

Pensiero differenziato n° 3: consumare l’acqua del rubinetto che è potabile e sottoposta a molti controlli. Perché devi acquistarla al supermercato? Esistono dei sistemi assai economici (ad esempio le caraffe con i filtri) per renderla gradevole al gusto.

Per altre bevande ultimamente è più facile reperire dei servizi alla spina, basta pensare alle casette che distribuiscono il latte fresco a kilometro zero.

Pensiero differenziato n° 4: iniziare a produrre in casa i propri detersivi, utilizzando sostanze naturali come aceto di vino o di mela, sapone di Marsiglia, bicarbonato di sodio e limone. Perché acquistare decine di flaconi, tubetti, fustini e vasetti diversi quando esistono delle ricette semplici per un auto produzione almeno parziale?

Un incentivo in più è costituito dal fatto che le sostanze chimiche contenute nei prodotti industriali nuocciono alla salute della tua pelle. Ecco un ottimo sito per imparare a creare da te i detersivi: www.biodetersivi.altervista.org.

Se proprio non puoi fare a meno di acquistarli, valuta la soluzione alla spina. Sono sempre di più i supermercati italiani che mettono a disposizione dei clienti questa opportunità.

Pensiero differenziato n° 5: se in casa ci sono neonati usare pannolini lavabili al posto di quelli usa e getta. Lo sai che per smaltire un pannolino sono necessari 500 anni? Si stima che in tre anni un bambino consumi circa 6.000 pannolini ottenuti dalla cellulosa di 20 alberi che si trasformeranno in una tonnellata di rifiuti. Immagina di doverli accumulare nel tuo cortile di casa!

Un doppio incentivo da considerare nel valutare l’utilizzo di pannolini lavabili è la salute della pelle del tuo bambino oltre a un notevole risparmio economico, stimato intorno ai 400 euro all’anno. Per ulteriori dettagli vedi questo articolo.

Facciamo finta che…

Partendo dall’ipotetico presupposto di doverti tenere nel cortile di casa tutti i rifiuti che produci, sicuramente ti verranno ulteriori idee per un mondo più pulito ed ecologico. Agisci sempre come se non esistessero i netturbini, sacerdoti consacrati al culto del consumismo.

Luigi Maffeo

Compilando questo form potrai ricevere via email tutti gli aggiornamenti riservati ai nostri iscritti

Abbiamo a heartlock la tua privacy!

Share Button
Luigi Maffeo
Web Master/Redattore Irbuk | + posts

L'amore principale della sua vita? La musica, quella eterna, il fantastico mondo dei suoni donatoci da gèni immortali. La catalogazione della sterminata conoscenza che rende indescrivibilmente ricco questo mondo è sempre stata un'altra delle sue mania, perché l'ordine favorisce l'appropriazione e agevola l'apprendimento dell'infinita materia di studio.

Ha una moglie che adora ed una bimba che ama alla follia. Se dovesse andare su un'isola deserta con la possibilità di portarsi dietro solo due libri, non avrebbe dubbi: La Bibbia e La Divina Commedia. Due persone? Provate ad indovinare. Un disco? Nella Quinta di Mahler c’è tutto! Cercherà sempre di guardare oltre il muro che impedisce di vedere la libertà!